Regione: UMBRIA

Cantina Conestabile della Staffa
Regione Umbria
Categoria Vino bianco
Denominazione IGP Salento
Vitigni 100% Trebbiano
Formato 0,75l
Alcool 10,5% vol
Ubicazione Montemelino-Perugia-Umbia
Temperatura di servizio 10-12°
Indicazioni di degustazione

 

Abbinamenti consigliati  
Voto di Liberrima  
Lo consigliamo perchè Aranciò Della Staffa è un vino bianco macerato prodotto da uve 100% Trebbiano, macerazione di circa 4 gg sulle bucce, affinamento in botti di vetroresina, senza solfiti aggiunti.
La cantina

Conestabile della Staffa è una cantina storica che già nel 1700 produceva vino a Montemelino Magione, nei pressi di Perugia, con 12 ettari di vigneti che fronteggiano il lago Trasimeno su suoli argillosi e ricchi di humus posti tra i 300 e 400 m s.l.m.. Oggi la dirige Danilo Marcucci, che dopo aver collaborato con alcune delle realtà più autentiche nel panorama dei vini naturali italiani, si rimette in gioco con un'azienda "sua" (l'azienda è della famiglia della moglie) e nel suo territorio.  Cessata per 60 anni l'attività di imbottigliamento a favore del conferimento alla cantina sociale (nel dopoguerra in corrispondenza del boom economico-industriale le campagne si spopolano a favore delle città e la forza lavoro diventa sempre più difficile da reperire ), si è ritornati ad una gestione diretta dei vigneti e della vinificazione dal 2015, dopo 4 anni di riflessione ed un'idea di dedizione totale al naturale. L'attività in vigna è svolta solo a mano e anche in cantina le pratiche sono artigianali e della tradizione: fermentazioni spontanee in tini aperti, follature a mano, macerazioni sulle bucce più o meno lunghe, assenza di controllo della temperatura, travasi per illimpidimento assecondando le fasi lunari ed imbottigliamento senza aggiunta di solforosa. Gli uvaggi che danno vita alla produzione della cantina appartengono alla storia del territorio: Sangiovese Grechetto,Trebbiano Dorato, Canaiolo, Alicante, Malvasia, Uva Fumaiola e Gamay del Trasimeno.

Conestabile della Staffa è socio di VinNatur.