//SALICE SALENTINO DOC RISERVA 2012 – DONNA LISA – ROSSO

SALICE SALENTINO DOC RISERVA 2012 – DONNA LISA – ROSSO

27,50

  • Cantina: LEONE DE CASTRIS
  • Annata: 2012
  • Regione: PUGLIA
  • Denominazione: SALICE SALENTINO DOC RISERVA
  • Vitigni: 90% NEGROAMARO 10% MALVASIA NERA DI LECCE
  • Alcol: 14,5%
  • Formato: 0,75l
  • Consumo ideale: 2016/2018
  • Temperatura di servizio: 18°C
  • Abbinamenti: CARNI ROSSE, ARROSTI, SELVAGGINA. OTTIMO PER FORMAGGI STAGIONATI E SALUMI
  • Occasioni di degustazione: CENA DA RICORDARE
  • Voto di Liberrima: 5/5
  • Lo consigliamo perché: IDEALE CON ARROSTI, CACCIAGIONE E FORMAGGI STAGIONATI.

13 disponibili

Product Description

Indicazioni di Degustazione
colore rosso intenso con un’unghia granata. al naso si sprigionano profumi di confettura di mirtilli e ribes nero, note speziate di vaniglia, liquirizia e sfumature tostate. in bocca è pieno e vellutato, ricco di eleganti tannini

Abbinamenti Consigliati
si abbina perfettamente con piatti di pesce, sushi e sashimi, carni alla brace, pietanze piccanti e sapori forti e tradizionali.

La Cantina
a nord-ovest della penisola salentina, zona di antica tradizione vitivinicola, si trova salice salentino, piccolo comune rurale che ospita da più di tre secoli un’antica cantina: la leone de castris.
il fondatore si appassiona ad una terra così fertile e ricca e ne comprende il valore, così, dopo i primi anni di lavorazione e trasformazione del prodotto, torna in spagna, vende alcuni possedimenti, rientra ed investe il ricavato in terre salentine.
intorno a salice, guagnano, veglie, villa baldassarri, novoli e san pancrazio, diventa proprietario di diverse migliaia di ettari, sui quali non solo impianta nuovi vitigni, ma anche piante di olivo e grano. agli inizi dell’800 l’azienda vitivinicola inizia ad esportare vino greggio negli stati uniti, in germania e in francia.
la storia di questo vino viene ricordata ancora oggi in azienda come uno degli eventi più significativi nel percorso plurisecolare della stessa. infatti, esiste una contrada nel feudo di salice salentino che si chiama “cinque rose”, nome dovuto al fatto che per intere generazioni i leone de castris avevano ciascuno, con incredibile costanza, cinque figli. sul finire della guerra il generale charles poletti, commissario per gli approvvigionamenti delle forze alleate, chiese una grossa fornitura di vino rosato, le cui uve provenivano proprio dal feudo cinque rose. ma il generale voleva un vino dal nome americano, e non ci si mise molto a trovarlo: nasce così il “five roses”.
con la vendemmia 1954 nasce il salice leone de castris e grazie alla commercializzazione in italia ed all’estero per circa 20 anni si ottiene la doc salice salentino nei primi anni 70. quindi,con la doc,anche altre aziende si propongono sul mercato.
la rete commerciale estera oggi vede i prodotti presenti oltre che sui mercati europei, negli stati uniti, a singapore, in canada, in brasile, in autralia, in giappone, in cina, hong kong, ecc. nelle aziende di famiglia sono stati impiantati nuovi vitigni: chardonnay, sauvignon, montepulciano che affiancano i vitigni tradizionali: negroamaro , malvasia nera, verdeca, bianco d’alessano, moscato, aleatico, primitivo, susumaniello, ottavianello.
la cantina presenta una variegata gamma di prodotti: vini rossi, bianchi, rosati doc (salice salentino, locorotondo, copertino, primitivo di manduria), interessanti vini igt salento e puglia, spumanti rosati e bianchi; un’acquavite ed un olio di particolare pregio. dispone anche di un albergo “villa donna lisa” di prima categoria dotato di impianti sportivi; funge da supporto alle quotidiane visite di delegazioni italiane e straniere.
la produzione media annuale è di circa 2,5 milioni di bottiglie.
la leone de castris è un’azienda che da secoli lavora in puglia e solo prodotti pugliesi. per qualcuno questo potrebbe essere un limite, per noi è una peculiarità poiché la nostra mission è la valorizzazione dei prodotti del territorio dove siamo nati e cresciuti.